Acqua e pensieri positivi, quale relazione?

452
acqua

L’acqua è vita per la natura e per tutti gli esseri viventi, uomo compreso.

Tutti sanno, infatti, che bisogna berne in abbondanza, in pochi che va assunta nello stato d’animo giusto. L’acqua viene, infatti, influenzata dai pensieri e dalle frequenze (es. la musica).

Scopriamo perché e cosa significa.

L’acqua è un elemento essenziale per la sopravvivenza dell’uomo e non solo.

Sappiamo che un uomo può vivere anche senza mangiare 40 giorni, ma solo 3 senza bere, questo perché il nostro corpo è composto per il 60-70% di acqua e senza non sopravvive a lungo.

Per questo motivo è fondamentale capirne l’importanza per essere in buona salute, avere concentrazione e lucidità.

La percentuale di acqua presente nel nostro corpo cambia a seconda dell’età, del sesso e del peso corporeo.
Partiamo da un 94% per un bimbo appena nato ad una percentuale che scende sotto il 50% nelle persone anziane.

Quanta acqua dovremmo bere al giorno? 

È consigliabile bere un litro di acqua ogni 25 kg di peso corporeo integrandola regolarmente con succhi e centrifugati di frutta e verdura preferibilmente senza zucchero, soprattutto se pratichiamo un’attività sportiva intensa, poiché acceleriamo la dispersione di liquidi e sali attraverso la sudorazione.

Una carenza di acqua e liquidi può, quindi, portare alla disidratazione causa di mal di testa ed un senso di affaticamento generale. Nei casi più gravi può portare addirittura alla morte.

Perché è così importante l’acqua?

L’acqua è importante perché aiuta una serie di processi metabolici come la digestione, la regolazione della temperatura corporea, idrata il nostro corpo, consente il trasporto dei nutrienti e la rimozione delle scorie metaboliche.

La maggior parte dell’acqua nel nostro corpo è suddivisa tra acqua intracellulare (utile per le reazioni all’interno delle cellule) ed acqua extracellulare (comprende il plasma, i liquidi interstiziali, il tessuto connettivo ed osseo). Possiamo, quindi, capire come un elemento così semplice e, a volte, sottovalutato riveste un’importanza vitale nella nostra esistenza.

Questo meraviglioso composto che si presenta incolore e insapore, si occupa di mantenere idratato il nostro corpo dall’interno (le cellule) e all’esterno (la pelle), ma ci sono ancora altre curiosità da scoprire.

Eccone alcune:

1.  I significati dell’acqua nelle varie religioni:

  • per il cristianesimo significa salvezza e viene utilizzata nel sacramento del Battesimo e nelle Benedizioni;
  • per l’induismo significa rinnovamento e purificazione;
  • per il taoismo racchiude in sé la saggezza;
  • il buddismo ne dà una connotazione legata alla chiarezza, alla purezza ed alla tranquillità;
  • nell’ebraismo, nel shintoismo e nell’islamismo viene dato un significato di purificazione e salvezza

2. Molti ignorano il fatto che l’acqua sia dotata di memoria e che venga influenzata dai nostri pensieri, dalle parole e dalle intenzioni oltre che dalle frequenze della musica, a dimostralo l’esperimento sulle cristallizzazioni dell’acqua effettuato dal giapponese Masaru Emoto, saggista ed esperto di medicina alternativa, nato a Yokohama nel 1943.

Masaru Emoto ha scoperto che a seconda della memoria contenuta nella goccia analizzata, positiva o negativa, l’acqua si cristallizzava evocando immagini belle ed armoniose oppure caotiche e confuse.

In pratica, l’acqua viene influenzata dal contesto, registra le vibrazioni ed è suscettibile alle frequenze, con i suoi esperimenti Emoto ha, quindi, dimostrato che l’acqua possiede una sua memoria. Questa memoria viene influenzata dalle frequenze dei pensieri, dalle parole, dalle intenzioni e dalle melodie.

È facile intuire che pensieri ed emozioni positive creano un mondo armonico ed equilibrato, mentre un contesto negativo porta inevitabilmente distruzione e caos.

Ora prova a riflettere sul fatto che il nostro corpo sia composto per il 60-70% di acqua.  In base a quello che abbiamo detto fino ad ora pensi che la qualità dei nostri pensieri possa influenzare il nostro stato emotivo e fisico? Pensieri positivi e armoniosi possono condizionare positivamente la tua realtà?

Pensieri positivi per vivere bene

Vivere con pensieri positivi, essere circondati da un ambiente con emozioni di gioia, amore, pace e gratitudine oltre che di armonia e serenità, ci permette di influenzare il nostro stato interiore profondo ed avere effetti benefici sulla nostra vita. Mentre dall’altro lato un contesto negativo, conflittuale, svilente, accusatorio o di intolleranza può generare reazioni interne di malessere, stress, preoccupazioni ed ansia profondi.

I pensieri positivi possono rafforzare e creare effetti benefici al corpo producendo una maggiore energia vitale. Il cervello stimola il sistema immunitario attraverso la produzione di neuropeptidi (sono piccole molecole di natura proteica che nelle cellule nervose danno risposta ad uno stimolo ed agiscono da mediatore modulando la risposa neuronale. Fanno parte del sistema endocrino e neuroendocrino) e le frequenze delle emozioni positive aumentano i livelli di DHEA (deidrodepiandrosterone) un ormone prodotto prevalentemente dal surrene che combatte lo stress e favorisce il rinnovamento cellulare, così come l’innalzamento dell’Iga (immunoglobuline A) che permette la produzione di anticorpi. Tutti questi effetti vengono annullati e ridotti quando viviamo pensieri ed emozioni negative e situazioni di stress.

Come possiamo attivare pensieri positivi e renderli parte costante della nostra quotidianità? 

Innanzitutto dobbiamo sempre essere presenti a noi stessi, agire sul nostro stato psico-fisico-emozionale.

Nello specifico, quando ci troviamo ad affrontare situazioni complicate della vita possiamo attivare un atteggiamento positivo.

Come rispondiamo a quello che ci accade dipende da noi, possiamo scegliere se avere un atteggiamento negativo o positivo. Possiamo decidere di focalizzarci sui problemi, vivendo nel vittimismo e nella passività oppure convogliare la nostra energia verso i nostri obiettivi e focalizzarci sui risultati; imparare dalle nostre esperienze e farci domande di qualità; agire e modificare il nostro stato

Per stato s’intende l’insieme di chi siamo (corpo-mente-emozioni).

Quando ci sentiamo stanchi, tristi, ansiosi, etc., possiamo cambiare questa percezione, ogni volta che vogliamo.

Questo, secondo la PNL (Programmazione Neuro Linguistica) è possibile agendo sulla Triade dello Stato che comprende:

  • Fisiologia (biochimica, respiro, postura, idratazione)
  • Linguaggio (come ci parliamo, quali parole usiamo nel ns dialogo interiore per rappresentare la realtà)
  • Focus (ciò su cui poniamo la nostra attenzione)

Tutto questo cosa significa?

Significa che qualsiasi cosa accada o in qualsiasi stato emotivo/emozionale ci si possa trovare nella nostra quotidianità, si può sempre agire per cambiarlo al fine di ottenere i risultati desiderati.

I risultati sono sotto il nostro controllo in qualsiasi ambito della vita.

Tutto questo per aumentare il nostro Ben-essere

Nel prossimo articolo approfondiremo la Triade dello Stato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here