Gestire le critiche: 5 strategie per sopravvivere

501
dito puntato

Alzi la mano chi non ha mai ricevuto una critica, soprattutto oggi nell’era dei social network dove ognuno ha possibilità di dire la propria opinione pubblicamente. A tutti può capitare di essere “attaccato”. Per questo motivo è molto importante imparare a gestire le critiche.

Oggi ai semplici pettegolezzi tra amiche, alle vecchie critiche da bar, si sono aggiunte le nuove “critiche da social”. Tutto diventa più complicato e le critiche diventano infinite perché cresce il numero delle persone che interagiscono con noi, e quindi aumentano le potenziali critiche. Tutti sono esposti, nessuno è escluso.

Imparare a gestire le critiche, quindi, diventa fondamentale. Questa è una capacità che non tutti hanno e che molti vorrebbero apprendere. Non tutti, infatti, sono in grado di saper sostenere i giudizi e rispondere per le righe con eleganza e rispetto al “troll”, o critico, di turno.

Essere giudicati è sempre una sfida per il proprio Io perché possono essere opinioni che possono ferire e minare la propria autostima se non si ha la consapevolezza di chi si è e la capacità di gestire il proprio stato e le proprie emozioni.

amiche arrabbiate

Nuovi progetti, viaggi, relazioni, successi condivisi nei post dei social. Tutto è sotto la lente di ingrandimento di chi resta fermo nella propria routine e zona di comfort. Le critiche, infatti, possono prendere di mira sia la professionalità che la vita privata delle persone.

Per questo motivo bisogna essere consapevoli che più ci si espone e più si può essere bersaglio di critici e “leoni da tastiera”. Cosa fare, allora?

Sicuramente bisogna andare avanti per la propria strada, senza farsi intimorire o ostacolare dalle critiche. Perseguite i vostri obiettivi e abbiate il coraggio di far conoscere i vostri progetti. Anche se negative le critiche possono essere un veicolo per farvi conoscere e apprezzare. Molte volte il successo è legato a doppio filo con la loro pubblicizzazione. Che se ne parli bene o male, l’importante è parlarne.

Critiche costruttive vs critiche distruttive

Diciamo subito che non tutte le critiche sono uguali. Si distinguono di tipologie:

  • Le critiche positive (costruttive);
  • Le critiche negative (distruttive);

Le prime aiutano a migliorarci, sono volte a farci crescere e aumentare il nostro livello di qualità. Questo tipo di critiche sono espresse in modo chiaro, specifico ed evidenziano il problema del tuo progetto o lavoro. Non ti svalutano come persona.

Le seconde, invece, sono dettate da invidia, gelosia, rabbia e il loro scopo è di danneggiare la tua immagine. Questo tipo di critica viene espressa in modo molto generico e negativo. Chi fa questo tipo di critiche solitamente sono persone che vivono nella propria zona di comfort, che non attuano miglioramenti nella propria vita, non agiscono e restano fermi. Per questo motivo sviluppano sentimenti ed emozioni negative nei confronti di quelle persone che ottengono risultati, che agiscono invece di aspettare.

Quale strategia utilizzare per gestire le critiche

E ora vediamo come affrontare al meglio le critiche in 4 passi.

Primo passo: gestisci lo stato e le tue emozioni

Quando vieni criticato le tue emozioni vengono messe a dura prova. Magari sei rilassato e tranquillo e senza alcun valido motivo ti vengono scaricate addosso una serie di parole che turbano il tuo stato. La prima cosa da fare è concentrarsi sul respiro e riprendere il tuo stato iniziale di calma.

Quindi non lasciarti andare a facili attacchi di rabbia, riesamina l’accaduto, contestualizza e valuta la situazione. La gestione dello stato riguarda solo noi. Noi possiamo scegliere di farci ferire da queste persone oppure guardare il lato positivo.

Secondo passo: ascolta

È importante saper ascoltare. Come abbiamo detto le critiche possono essere un input a migliorarci. Se si tratta di critica distruttiva cerca il lato positivo, c’è sempre un risvolto positivo se ascolti bene.

E in questa fase chiediti “chi sono io?, “quali sono i miei valori?” Immediatamente dopo domandati “chi sono quelle persone che ti stanno giudicando,” e dagli una sorta di valutazione. Come giudicate voi le persone che vi stanno giudicando da 0 a 10?

uomo spaventato

Terzo passo: chi ti sta criticando

Come abbiamo già detto, lo scopo delle critiche è quello di annientarci. Chi formula queste critiche è un cocktail esplosivo di invidia, gelosia, rabbia, insoddisfazione, ecc. Quindi domandati come giudichi tu in primis il lavoro fatto, quanto amore ci hai messo, ecc.

Quarto passo: attivati per il miglioramento

In caso di critica costruttiva questa dovrebbe generare dei miglioramenti e condurti ad una crescita personale. Se ritieni che la critica sia, invece, distruttiva ignorala perché non ti porterà verso la crescita.

Ricorda: Chi ha tanto tempo per criticare gli altri, ha poco tempo per investire nella propria crescita.

“Ci saranno sempre degli Eschimesi pronti a dettar norme su come devono comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura.” (Stanislaw Jerzy Lec)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here