Comunicazione efficace: come sviluppare un dialogo interiore positivo

588

Comunicare bene con se stessi è la prima regola per avere una comunicazione efficace con gli altri.

Ecco alcuni semplici consigli per migliorare la propria comunicazione interiore e renderla incisiva.

Ti sei mai chiesto chi è la persona con la quale comunichi di più? La risposta è: sei tu.

Hai mai prestato attenzione al tipo di comunicazione che utilizzi verso te stesso? Attraverso la comunicazione con noi stessi creiamo la nostra realtà.

Come possiamo ottenere una comunicazione efficace volta al raggiungimento dei nostri obiettivi e a un’esistenza soddisfacente? Scopriamolo!

Risultati di successo

Il nostro cervello è formato da molteplici aree delle quali fanno parte la neocorteccia o area razionale, in cui risiede il pensiero, e l’area limbica in cui risiedono le emozioni.

La qualità dei risultati che otteniamo dipendono da quanto le due aree sono allineate tra loro.

Le parole hanno il potere di generare emozioni. Il tipo di emozione prodotta dipende dalla qualità delle parole che utilizziamo. Esercitando la parte razionale a utilizzare parole ad impatto positivo, il cervello limbico vivrà emozioni positive, le quali a loro volta prestano un ruolo fondamentale nella produzione ormonale.

Da dove cominciare?

Cominciamo prestando attenzione a come comunichiamo con noi stessi. Quali sono le parole che utilizziamo? Il dialogo interiore è costantemente acceso, e se non è di qualità, può auto-sabotarci.

L’importanza delle parole.

Il nostro dialogo interiore deve essere sempre positivo. Utilizziamo parole che facciano accrescere la nostra autostima.

Come possiamo riuscire quando viviamo momenti difficili?

Capita nella quotidianità di dover affrontare piccole e grandi sfide. Ripetiamoci di essere una persona capace, meritevole, all’altezza della situazione, decisamente in gamba. Questo predispone la nostra mente al raggiungimento dell’obiettivo.

Essere coach di se stessi

Il coach è colui che sostiene i membri di una squadra sia essa sportiva o di lavoro. Determina il raggiungimento di risultati, attraverso l’allenamento e il mantenimento di uno stato mentale positivo del gruppo. Tu sei il tuo allenatore, il tuo maggior sostenitore.

Non negarti possibilità

Fin dai nostri primi anni di vita, ci sentiamo ripetere “no”. È talmente interiorizzato che crescendo siamo capaci di dirci cosa non vogliamo, ma non riusciamo più a riconoscere ciò che desideriamo.

Per questo motivo ci risulta semplice dire “non voglio perdere”, piuttosto che “voglio vincere”.

Il subconscio non è in grado di percepire la negazione. Quando pronunci o pensi il “non” la mente creerà proprio l’immagine dell’essere perdente perché traduce in “voglio perdere” E questo sarà il risultato.

Inoltre, la preoccupazione aumenta lo stato d’ansia e non permette di affrontare la causa del problema. Utilizzare parole positive, frasi costruttive e rassicuranti, invece, ci permetterà di trovare la soluzione.

Essere consapevoli del nostro potenziale

Per conoscere, capire ed utilizzare il potenziale che ci appartiene è senz’altro utile comprendere chi siamo veramente. È bene conoscerci, apprezzarci ed amarci. La più grande forma d’amore che esista è verso noi stessi. È una storia d’amore che dura tutta la vita.

Il contesto sociale nel quale ci troviamo a vivere ci costringe a ritmi frenetici sottoponendoci a richieste continue, al lavoro, in famiglia, nelle relazioni.

Attraverso il dialogo interiore manteniamo la nostra identità di individui, gestendo adeguatamente le varie situazioni quotidiane. Siamo noi i piloti di noi stessi.

Ottenere una vita soddisfacente

Il dialogo interiore è uno dei presupposti per una vita appagante. La qualità delle parole che utilizziamo costantemente agisce sul nostro atteggiamento, sulle qualità delle relazioni e sulla capacità di fronteggiare le sfide della vita.

Come accrescere il nostro valore

È importante premiarsi, gratificarsi. Ogni volta che raggiungiamo un risultato è bene donarci una ricompensa. Iniziamo col prestare attenzione a noi stessi, diveniamo consapevoli di tutti i nostri risultati. È bene prenderci cura di noi, siamo la persona più cara.

Siamo quel bambino che, nonostante il tempo trascorso, ancora risiede nella parte più vera della nostra anima.

“Parlare con se stessi significa aver cura della propria salute: osservare quello che accade e sapere che le nostre parole, il nostro suono, producono sostanze terapeutiche”.

(Raffaele Morelli).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here