Lucia Pieroni, l’essere Health Coach fa parte della mia vita

136
Lucia Pieroni Health Coach MasterCap

Lucia Pieroni, è nata in Umbria quarant’anni fa.

Da sempre appassionata di relazioni e dei loro meccanismi e delle alchimie che si nascondono dietro questi, ha vissuto molti anni alla ricerca di sé e del suo equilibrio interiore. Ha conosciuto molte persone che l’hanno sostenuta e accompagnata nel suo percorso di crescita.

Durante un’esperienza di volontariato a Milano nel 2004 conosce Massimo, in comune hanno la voglia di crescere e di ricercare il proprio scopo. Entrambi portano a termine gli studi da adulti. Il bisogno di lavorare con le persone porta lui a diventare infermiere, lei a conseguire una laurea in Servizi Sociale che l’ha portata a svolgere un lavoro che da anni porta avanti con passione come operatore in una struttura che si occupa di dipendenze.
Insieme diventano famiglia, una grande famiglia, con quattro bambini che in pochissimi anni arricchiscono e stravolgono la loro vita.

Il fatto di avere quattro figli ha messo Lucia di fronte a quattro personalità diverse e inconfondibili che hanno a loro volta bisogno di cure e attenzioni differenti.
La crisi, provocata dalle difficoltà vissute nel ruolo di madre, l’ha portata a leggere e studiare molto riguardo i bambini, la genitorialità, la ricerca dei talenti speciali nascosti in ognuno.

Il lavoro con adulti che vivono nel disagio e in ogni sorta di precarietà sociale ed emotiva, l’ha portata a cercare una chiave in ognuno di loro per poter entrare in relazione, sostenerli nel cambiamento e per riscoprire il bambino che è in loro. Riscoprire la parte più tenera, quella che sogna.

Nel 2017 insieme a Massimo, in un momento molto delicato della loro vita, partecipa ad un evento a San Marino. Conosce Romina Corbara ed Antonio Pipio e inizia l’avventura con MasterCap.

Nel 2019 realizza un sogno che, da anni, aveva nel cassetto: scrivere un libro che parla ai genitori “Il Potere Nascosto dei bambini”, nel quale riassume anni gli studi intrapresi durante il Master e quelli ricercati per interesse personale.

Cosa ha significato per te far parte di MasterCap?

Ha voluto dire rispondere ad un bisogno. Non conoscevo il significato della parola coach ed ho scoperto essere il sunto di tante idee che mi ronzavano in testa da una vita: vivere una vita al pieno delle potenzialità, liberarsi da limiti e convinzioni che intristiscono e rendono insoddisfatti, sentire di potercela fare acquisendo ogni giorno con l’esperienza nuove abilità.

Quali sfide hai superato durante il percorso?

Ho affrontato tante sfide in questi due anni. In primis la maratona. Sembrava uno scoglio insormontabile, ma con allenamento e preparazione tutto è possibile.

Ci sono stati momenti più sfidanti?

I momenti più critici lungo questo percorso sono stati quelli di crisi interiore. Mi sono trovata a cercare il mio sé. A comprendere che non è un concetto statico. L’identità di ognuno fluttua e evolve in continuazione nei momenti in cui viene in contatto con nuove esperienze e con persone che possono essere fonte di ispirazione.

Diventa Health Coach MasterCapCosa significa per te essere tra i primi Health Coach?

L’essere Health Coach fa parte della mia vita, dell’approccio che ho con le persone con cui lavoro. Avere fiducia nelle risorse di ognuno mi ha permesso di lavorare anche con casi estremamente complicati riuscendo a creare legami forti e fondati sull’empatia e sul sostegno profondo.

Essere Health Coach significa iniziare ogni giornata ponendomi degli obiettivi, benedire anche i momenti di difficoltà e stanchezza.

Quali risultati hai ottenuto grazie agli strumenti appresi con MasterCap?

In famiglia mi ha permesso di contenere le ansie e il senso di inadeguatezza che spesso vivevo come madre dando spazio alle emozioni e imparando a guardare i miei figli con gli occhi nuovi ‘della possibilità’.

Il mio desiderio più grande è di imparare a propagare l’onda della possibilità e della soddisfazione vissuta negli stadi profondi dell’essere, proprio come ne sono stata investita.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri?

Vorrei lavorare sulle criticità e difficoltà legate al ruolo di genitore sentendo sempre profondamente che non ci sono confini all’amore.

Con il mio compagno Massimo abbiamo riscoperto un nuovo senso di famiglia che abbraccia chiunque viene in contatto con noi ed entra nella nostra casa. Presto inizieremo un percorso volto all’affido di minori. Una nuova avventura da vivere con il sorriso e con l’appoggio di tutta la squadra-famiglia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here