Problem Solving: 6 Step per semplificare un problema

350

Come affronti i problemi della vita quotidiana? Ti lasci travolgere oppure hai un atteggiamento costruttivo e risolutivo?

Molto spesso quando abbiamo un problema, cerchiamo di capire quali comportamenti adottare per risolverlo, o quale sia la giusta strategia da applicare per rendere più semplice la risoluzione.

Qui ti spiegherò come spacchettare e rendere più raggiungibile la sua risoluzione seguendo il modello dei livelli logici elaborato dal padre della PNL sistemica Robert Dilts.

Ecco uno schema dei livelli logici che andremo ad analizzare:

schema livelli logici di pensiero

Alla base di questa piramide troviamo:

Ambiente: inteso come il contesto nel quale ci evolviamo.
Per raccogliere questo genere di informazioni bisogna porsi le domande: Dove e quando è successo quello che è successo? Cosa vedevi intorno a te?

Comportamenti: si intende quella serie di azioni che svolgiamo continuamente. Come agisci? Cosa fai?

Salendo di livello troviamo:

Capacità: cioè quelle competenze che usiamo per mettere in opera i nostri comportamenti. Che risorse usi? Come fai a fare quello che fai?

Convinzioni/valori: intendiamo tutto quello in cui crediamo, di cui siamo convinti e tutto quello che riteniamo importante e quello che riteniamo vero. In cosa credi? Cos’è importante per te?

Infine al vertice della piramide troviamo:

Identità: ossia la rappresentazione di te stesso e di ciò che ti guida. Siamo quindi in contatto con la parte più profonda di noi e con ciò che vogliamo raggiungere. Cosa mi guida?

Spiritualità: si intende la trasmissione di ciò che siamo e di quello che è importante per noi e per gli altri. Per chi altro lo fai? Chi voglio essere?

Secondo Robert Dilts il livello più basso influenza nel breve termine i livelli più alti, mentre i livelli più alti influiscono nel lungo termine sui livelli sottostanti.

Per spiegarti meglio ti faccio l’esempio di un ragazzo che ha preso un brutto voto durante un’interrogazione a scuola.

Quando hai un problema, o non riesci a raggiungere un obiettivo, è necessario che analizzi queste “aree” partendo sempre dall’ambiente. Quindi, tornando all’esempio del ragazzo, la prima domanda che devi porti in questo caso è: “cosa aveva il ragazzo intorno quando studiava? È riuscito a rimanere concentrato durante lo studio?”.
Se la risposta è no, allora è necessario agire immediatamente per rendere più confortevole il luogo in cui studia.

Subito dopo l’analisi dell’ambiente, verifica quali sono i suoi comportamenti, ovvero quali sono le azioni che stava facendo quando è successo quello che è successo. Nel nostro caso: “mentre veniva interrogato, il ragazzo era completamente concentrato sulle domande o aveva la testa altrove?

Nel livello successivo valuta le capacità, ossia gli elementi che ti permettono di realizzare determinati comportamenti. Il ragazzo dovrà quindi chiedersi: “ero tranquillo mentre mi stavano interrogando? O ero agitato perché sapevo di non essere preparato al meglio?”

Crescendo nella scala piramidale trovi poi le convinzioni e i valori, che rappresentano quello in cui tu credi e quel che per te è davvero importante. Riferiti al nostro esempio, portano il ragazzo a domandarsi: “sono convinto di essere intelligente al punto di riuscire a superare un’interrogazione? Credo che quello che sto studiando sia veramente utile per il mio futuro?”

Salendo ancora incontri l’identità, il nostro io più profondo. Nel nostro esempio, l’identità chiama il ragazzo ad analizzarsi e dirsi: “Chi voglio essere a scuola? Quale impressione voglio dare di me?”

Al vertice della piramide, infine, si colloca la Spiritualità, l’elemento più grande e profondo: sa indicarti la missione che hai, lo scopo del tuo agire. Tornando sempre al nostro esempio, la Spiritualità porterebbe il ragazzo a domandarsi: “per chi o per cosa scelgo di andare bene a scuola? A che scopo?”

Livelli logici e cambiamento

I livelli logici secondo Robert Dilts, oltre a risolvere i problemi servono per mappare un cambiamento.

Possiamo avere quindi tre tipi di cambiamento a seconda del livello logico sul quale decidiamo di intervenire.

  • Cambiamento correttivo avviene ai livelli di ambiente e comportamento.
  • Cambiamento generativo avviene a livello di capacità, convinzioni e valori.
  • Cambiamento evolutivo avviene ai livelli di identità e spirito.

Per risolvere un problema nel breve termine, quindi, dovrai agire sui livelli più bassi. Se, invece, vuoi intraprendere un cambiamento profondo e duraturo nel tempo, dovrai analizzare e chiarirti al meglio i livelli più alti di questa piramide perché influenzeranno immancabilmente quelli sottostanti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here