ShuHaRi, apprendere il miglioramento continuo

338
migliorarsi sempre!

Quando sei un neofita nell’applicare un nuovo metodo o semplicemente introdurre nuove abitudini nella tua quotidianità, l’errore più grave che puoi commettere è quello di perdere tempo o, peggio ancora, raccontarti scuse come “non ho tempo”, “con me non funziona”, “sono tutte cavolate” e così via.

Siamo bravi ad auto sabotarci per impedirci di uscire dalla nostra zona di sicurezza, la nostra amata zona di comfort. In questo stadio iniziale, in cui tu apprenderai un nuovo metodo per migliorarti come persona e per migliorare anche la qualità della tua vita, il tuo principale scopo deve essere quello di individuare il tuo maestro (o il tuo coach) e applicarne alla lettera gli insegnamenti senza farti troppe paranoie, ma soprattutto smettendola di fare di testa tua o la vittima.

Scegli l'allenatore giusto!

 “Noi dobbiamo fare un patto solenne. Io prometto di insegnarti il Karate, e questa è la mia parte.

Tu prometti di imparare:

io dico, tu fai.

Nessuna domanda. Questa è la tua parte”

Maestro Miyagi (Karate Kid)

il tuo ego cercherà di sabotartiNon c’è un tempo minimo o massimo per apprendere un nuovo metodo. Ognuno ha il suo tempo, ognuno ha le proprie priorità. L’apprendimento avviene per passi, proprio come il miglioramento continuo, e richiede consapevolezza e responsabilità.

È importante che diventi responsabile della tua vita, delle tue azioni, delle tue scelte. Secondo lo zen, il processo di apprendimento da parte di un allievo di una qualunque disciplina tradizionale giapponese attraversa tre fasi indicate con il termine ShuHaRi.

Ma prima di parlarti di queste fasi ti voglio mettere in allerta dicendoti che il tuo ego cercherà di sabotarti. Ogni volta che dobbiamo impegnarci senza avere la certezza che i nostri sforzi saranno ripagati, tendiamo ad evitarlo.

Come evitare che questo accada? Praticando lo ShuHaRi.

Cos’è ShuHaRi?

Il termine ShuHaRi deriva dalle arti marziali giapponesi e descrive le diverse fasi di apprendimento che portano l’allievo a divenire maestro di una data disciplina. Shu Ha Ri sono tre parole giapponesi che descrivono il modello di sviluppo delle competenze di Toyota.

Toyota lo ha creato basandosi su due elementi imprescindibili: un percorso circolare di apprendimento che, partendo delle basi, porta ad una reale maestria e la presenza di un Sensei, o coach, che accompagna l’allievo nel percorso.

Ogni persona nella Toyota è responsabilizzata per diventare il maestro nella propria arte, nel proprio lavoro. Per diventare un essere umano responsabile e pensante. Per auto-svilupparsi.

Il ruolo del maestro è quello di insegnare alle persone come eseguire correttamente il lavoro, senza mai dare delle risposte precise su come risolvere i problemi che lo studente incontra nella pratica.

maestro

Le 3 fasi di ShuHaRi

Lo ShuHaRi si divide in tre fasi che si rifanno alle tre parole:

  • Shu: è la prima fase, che riguarda la comprensione del metodo e adattamento alla propria realtà. È la fase durante la quale si seguono e si apprendono le tecniche apprese. In questa fase si copiano e si riproducono in modo preciso e identico le tecniche nelle forme originali. Non si fanno domande né obiezioni, si osserva e si impara copiando e imitando con dedizione, apertura mentale, modestia e sacrificio il maestro.

SHU ha un duplice significato: obbedire e proteggere.

  • Ha: Questa è la fase della pratica. Ci si adatta a tutto ciò che si è appreso dalle circostanze in cui ci si trova (ambito personale, relazionale, professionale, ecc.). L’allievo ha maggiore libertà di praticare senza supervisione e, sotto la guida del Sensei, di applicare le regole in modo più creativo pur rispettando gli standard.

È la fase dell’apprendimento in cui si fa proprio ciò che si è imparato adattandolo a sé stessi. Si cerca un proprio stile, esprimendo la propria personalità.

  • Ri: questa ultima fase è quella in cui, basandosi su quanto appreso e dopo averlo adattato al tuo ambiente e alla tua situazione, si inizia a lavorare per sviluppare un proprio modo di fare le cose che ti distinguerà dagli altri.

È la fase in cui tutto ciò che hai studiato è completamente interiorizzato e tutto avviene in modo naturale, spontaneo, senza doverci pensare, senza forzature.

La mente non compie sforzi per ripetere i gesti, per porsi le domande giuste si è un tutt’uno con le tecniche e con le regole, in uno stato di rilassamento e vuoto, di non-mente.

top 10 skills

Concluso il ciclo, il processo può riprendere al livello successivo, perché in tutte le cose, come nella vita, non si finisce mai di imparare e migliorare: è una ricerca infinita verso la conoscenza e il perfezionamento.

Il concetto di ShuHaRi si può estendere all’apprendimento di una qualsiasi altra disciplina.

Le stesse fasi di crescita dell’uomo seguono un processo simile: da bambino, passando per l’adolescenza, fino a raggiungere l’età adulta.

Il ShuHaRi permette di passare all’azione:

  • stimolando l’intelligenza pratica e lo spirito intraprendente di ognuno;
  • comprendendo come utilizzare i principi del Kaizen nella tua vita e quali strumenti utilizzare per migliorare la qualità della tua vita;
  • pianificando e realizzando il metodo, grazie al quale diventerai responsabile delle tue azioni, pensieri e scelte, potrai sviluppare le tue capacità di ascolto dei tuoi bisogni e delle tue emozioni che ti permetteranno di eliminare cosa non ti serve più e inserire nella tua quotidianità abitudini più sane e funzionali ai tuoi obiettivi.

ascoltare le proprie emozioni

Per applicare al meglio lo ShuHaRi al Kaizen bisognerà:

  • stabilire perché hai deciso di apprendere qualcosa di nuovo (è una mia esigenza/mancanza? È un mio bisogno? È una richiesta del mercato? Me l’ha chiesto qualcuno?) in modo da focalizzarsi sull’obiettivo che vuoi perseguire;
  • indicare i passi che farai nel processo di apprendimento: quanto tempo gli dedicherai? In che ambito lo applicherai? Quale obiettivo vuoi raggiungere? …;
  • trovare il modo di mantenere monitorato il processo di apprendimento, tramite appositi indicatori: come capirai che stai migliorando? Qual è il metro di misura che utilizzerai?;
  • decidere come gestirai il cambiamento pianificato, perché è logico che qualsiasi processo di apprendimento porti a un cambiamento, grande o picco.

Questi sono i punti fondamentali sui quali centrare il proprio focus. Ora non ti resta che darti da fare per cominciare a migliorare!

__________________________________

Nel nostro nuovo gruppo Facebook #ZEROSCUSE potrai trovare:

  • post d'isprirazione per imparare a smettere di raccontari scuse;
  • video dirette in risposta proprio ai tuoi commenti ;
  • webinar direttamente visibili dalla pagina;
  • molto altro ancora.
  • Scopri tutti i nostri percorsi online:

  • Per la tua crescita personale, scopri di più su Crea Il Tuo Nuovo Inizio.
  • Per la tua crescita professionale, scopri di più su Top 10 Skills.
  • Se desideri intraprendere un percorso meditativo, scopri di più su Le Meditazioni quantike e Il Tuo Anno Quantiko
  • Se sei un genitore o insegnante di ragazzi adolescenti, migliora la tua comunicazione con loro, grazie ad A un Passo Da Te
  • Se desideri intraprendere un percorso per risvegliare l’Energia Femminile, scopri di più su Il Sacro cerchio di Sorellanza.
  • Per informazioni su MasterCap, 1° master in Health Coaching ad Alto Potenziale: https://hcmastercap.academy/

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here