Libertà finanziaria, definisci il tuo obiettivo in 7 passi

205
uomo e soldi

Con i consigli che ti sto per dare, scoprirai qual è il metodo per definire esattamente il tuo obiettivo finanziario affinchè tu possa iniziare il tuo percorso verso la realizzazione di ciò che desideri.

Occorre fare attenzione a capire la differenza tra un obiettivo e un desiderio: dire “il mio obiettivo è diventare finanziariamente libero” non è un obiettivo, bensì un desiderio.

“Il successo è una conseguenza, non un obiettivo.” (G. Flaubert)

Cosa può impedire il definire un obiettivo?

Prima di spiegare come formulare un obiettivo, occorre analizzare alcuni fattori principali per cui non si definiscono gli obiettivi nel modo corretto:

non si capisce l’importanza di scriverli: quanti amici, o familiari, hanno scritto in modo chiaro i propri obiettivi?
non si sa come definirli: un obiettivo è molto diverso da un sogno o da un desiderio. Un obiettivo ha una scadenza, un sogno o desiderio si può verificare se lo si è raggiunto, oppure no.
si ha paura del fallimento: l’insuccesso fa male, che sia finanziario o emotivo. Nessun obiettivo, nessun fallimento, nessuno stress.
si ha paura del rifiuto: a volte è meglio mantenere segreto il proprio obiettivo in quanto se nessuno lo conosce si possono evitare conflitti con chi non capisce; a volte, invece, è meglio renderlo pubblico perché potrebbe essere un incentivo per raggiungerlo.
non si ha chiarezza e non si sa cosa si vuole.
si pensa ad un obiettivo che va in conflitto con i propri valori.

Le 7 caratteristiche di un vero obiettivo finanziario

Un obiettivo finanziario dev’essere ben formato. Deve contenere tutti i passi e le azioni attraverso le quali puoi realmente realizzare i tuoi obiettivi.

Ecco come dev’essere pensato e strutturato il tuo obiettivo:

  1.  Specifico e Misurabile. Per raggiungere una meta è fondamentale capire dove si sta andando: per questo occorre fare in modo che il tuo punto di arrivo, il tuo obiettivo sia ben visibile e comprensibile. Questo è possibile solo se dai al tuo obiettivo delle misure. “Voglio diventare ricco”, “Voglio fare carriera” come abbiamo visto sono desideri non obiettivi. “Entro un anno voglio acquistare e rivendere un immobile nella mia città guadagnando 25 mila euro netti” oppure “Voglio guadagnare 50mila euro all’anno con le mie entrate automatiche” sono obiettivi specifici e misurabili.
  2. Credibile. Scegli un obiettivo che per te sia credibile: se guadagni 1500 € al mese, poniti di arrivare a guadagnare 3000 euro al mese entro sei mesi. Porsi come obiettivo di guadagnare 500.000 euro entro sei mesi non è credibile; è un obiettivo che va al di fuori delle nostre convinzioni più profonde, il che fa emergere la nostra vocina interna che per prima dirà che è impossibile da realizzare.
  3. Espresso in termini positivi. Il cervello non recepisce il termine “Non”, cioè la forma negativa. Quindi dire “Non voglio avere problemi di denaro”, oltre a non rispettare le prime due regole, fallisce anche in questa, perché il cervello registra “Voglio avere problemi di denaro” e ti accontenterà sicuramente. Anche dire “Non voglio più essere povero” crea nella propria mente un’immagine di sé come povero in quanto il nostro cervello va nella direzione delle immagini che ci creiamo. Meglio dire “Voglio avere sempre denaro a disposizione” oppure se ti trovi in difficoltà potresti dire “Voglio risolvere velocemente questo mio problema economico”.
  4. Motivante. Porsi come obiettivo quello di guadagnare 50 euro in più entro sei mesi non è un obiettivo realmente motivante. Ti impegneresti a fondo per raggiungerlo? Quindi occorre trovarne uno più stimolante per cui valga la pena impegnarsi come ad esempio: “Voglio guadagnare 1500 euro di entrate automatiche entro sei mesi”.
  5. Tempificato. Metti in agenda il tuo obiettivo. Poniti delle scadenze a livello temporale come ad esempio: “oggi 20 Febbraio comincio a cercare un immobile per investimento; entro il 30 giugno voglio avere avviato almeno un’operazione immobiliare; il 30 ottobre voglio aver comprato un immobile in centro a Rimini”, e così via.
  6. Spezzettabile. Spezzetta il tuo grande obiettivo in obiettivi più piccoli. Potrebbe capitare di abbattersi nel confrontarsi fin da subito con un obiettivo troppo grande. Stabilire delle tappe intermedie aiuterà ad arrivare a destinazione con grinta ed entusiasmo. Un obiettivo grande infatti, si raggiunge tagliando un traguardo alla volta e ogni traguardo raggiunto sarà per te una nuova conquista.
  7. Visualizzabile e che coinvolga tutti i sensi. Tutti noi reagiamo fortemente alle immagini. È essenziale che tu possa vedere chiaramente il tuo obiettivo, come fossi in un film con l’immagine ben definita, meglio se in movimento. Prova ad aggiungere altre componenti sensoriali: come ti stai muovendo? Quali sensazioni fisiche senti? Quali rumori? Quali odori? Senti caldo o senti freddo? C’è il sole o è notte? Quali sensazioni ed emozioni stai vivendo al raggiungimento del tuo obiettivo? Quanto più vivida sarà l’immaginazione del tuo obiettivo, tanto più efficace sarà la programmazione della tua mente per raggiungerlo.

Sogna in grande!

Quando pensi ai tuoi obiettivi, ricorda che solo i grandi sogni hanno potere. Darsi obiettivi minori per paura di fallire è uno dei modi più comuni per evitare di prendersi le responsabilità dei successi così come degli insuccessi.

I sogni grandi portano con sé un’energia e un entusiasmo incredibili: coinvolgono e travolgono te e chi ti circonda.

Quando pensi al tuo obiettivo sul lungo termine pensa a ciò che davvero vorresti dalla vita. Il tuo sogno più grande, quello che quasi ti spaventa immaginare.

Quello nascosto nel cassetto da tempo e che forse non hai il coraggio di dire a nessuno. Non farti spaventare dagli ostacoli che si possono incontrare durante il raggiungimento del tuo obiettivo.

Ogni volta che completi un obiettivo, il tuo cervello rilascia una piccola quantità di endorfine che dà una sensazione di benessere, ti fa sentire felice e in pace con te stesso. È una specie di droga naturale. Lasciare gli obiettivi in sospeso e non terminarli è una delle maggiori cause di stress, di ansia e di infelicità, perciò è sempre bene non esagerare nel creare obiettivi irraggiungibili.

Stabilire obiettivi è una delle cose più importanti ed entusiasmanti nella vita, così come lo è anche concedersi piccole ricompense: concediti un premio ogni volta che superi una tappa nel tuo percorso verso il miglioramento di te stesso e della tua libertà finanziaria. La ricompensa agli sforzi gratifica e motiva ad andare avanti e fare sempre meglio.

Ora che sai quali caratteristiche deve avere un obiettivo finanziario ben formato, non ti resta che visualizzarlo, prendere l’agenda, scriverlo e iniziare il tuo piano d’azione agendo.

“ L’unica cosa che si frappone tra te e il tuo obiettivo,
è quella storia che racconti a te stesso
sul motivo per cui l’obiettivo non si può raggiungere.” (J. Belfort)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here